Coronacoin: Token basato sul numero di morti da Covid-19.

Coronacoin: la moneta digitale che si basa sul numero dei morti e infetti da coronavirus.

coronacoin
Logo Coronacoin

CoronaCoin o $nCoV, è la prima criptovaluta al mondo basata su Prova di Morte (PoD). Corona-coin è una Token ERC-20 che documenta le infezioni e le morti causate dal CoronaVirus.

Nel tempo in cui piattaforme di scambio per criptovalute come Binance, o community simili a TRON, Qtum, ecc. stanno adottando misure per aiutare le vittime di coronavirus, altri sviluppatori, nello specifico un team di sette programmatori, la maggior parte residente in Europa, hanno realizzato un nuovo Token che consente di “giocare” o speculare sull’epidemia del coronavirus. Vedi la scheda di Coronacoin per maggiori dettagli.

C’è da dire anche che, come riportato nel whitepaer originale, una parte dei token (il 20%) è riservata come donazioni alla Croce Rossa Americana per finanziare gli aiuti.

Corona-coin: la criptovaluta dall’algoritmo PoD Proof of Death (Prova di Morte)

Questo Token è sviluppato sulla blockchain di Ethereum e consente di speculare in base al numero di vittime legate al coronavirus.

coronacoin
dati burn coronacoin

Il meccanismo è molto semplice, è stato creata una quantità di circa 7,6 miliardi di CoronaCoin pari al numero degli abitanti della terra (più o meno 7,6 miliardi). Ogni 48 ore, il numero di token viene aggiornato in base ai decessi e infetti nel mondo da corona virus. Nello specifico, per ogni nuovo caso di morte nel mondo da Corona virus viene eliminato, nel gergo bruciato (dall’inglese Burn), 1 Token di CoronaCoin. per maggiori informazioni sul prezzo, volume e altri dati, in questa scheda: Valore Notizie e Link CoronaCoin sono riportai notizie e valori provenienti da coingecko.

Ogni 48 ore verranno bruciati (eliminati) una quantità di token in base al numero di persone Infette + Decedute.

Il fatto che il numero di token diminuisca nel tempo, significa che è deflazionistico e dovrebbe diventare più prezioso nel tempo. La fornitura è anche non estraibile, quindi non è mai possibile creare nuovi Coronacoin.

Che cos’è Coronacoin

Traduzione del whitepaper ufficiale di Coronacoin

Link fonte: https://coronatoken.org/whitepaper/

Il coronacoin è una criptovaluta che documenta le infezioni e le morti di coronavirus sulla blockchain tramite il burn di token (Bruciare dei Token). Una parte dei token (20%) è stata riservata alla donazione alla Croce Rossa per finanziare gli aiuti.

Coronacoin è un’aggiunta radicale e preziosa al ricco arazzo di criptovalute che esiste oggi. È la prima e unica criptovaluta supportata dalla prova di morte (PoD), basata su statistiche ottenute dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Il modo in cui la valuta è strutturata è semplice e facile da capire:

  • Esiste un numero prestabilito di token nel mondo: 7.604.953.650.
  • Il numero totale di token = la popolazione del mondo al momento del conio dei token.
  • All’aumentare del numero di infetti / morti del virus, il numero di token viene masterizzato manualmente ogni 48 ore. Quindi, per ogni infezione, viene bruciato un token.

Il fatto che il numero di token diminuisca nel tempo, significa che è deflazionistico e dovrebbe diventare più prezioso nel tempo. La fornitura è anche non estraibile, quindi non è mai possibile creare nuovi Coronacoin.

Inserendo le informazioni relative al numero di infezioni e decessi sulla blockchain, consente a questi dati di entrare nei paesi autoritari senza censura (ovvero il Great Firewall cinese). Ciò consente alle persone di comprendere il vero impatto del virus e prepararsi di conseguenza a eventuali situazioni potenziali.

Il simbolo ticker di Coronacoin è $ nCoV, che gli consentirà di ottenere rapidamente pubblicità, grazie alla condivisione dello stesso nome del romanzo-coronavirus.

Nel decidere quale ecosistema blockchain utilizzare, il team di Coronacoin ha deciso di utilizzare la blockchain Ethereum. Poiché è già stato adottato da un gran numero di sviluppatori e utenti, hanno deciso che era la piattaforma perfetta per Coronacoin e i suoi DAPP pianificati.

Coronacoin donerà il 20% della fornitura totale della valuta alla Croce Rossa per sostenerli nel loro lavoro contro il virus. Ciò significa che all’aumentare del prezzo di Coronacoin, aumenterà anche il valore totale della donazione.

 

Potrebbero interessarti anche...

Share via
Copy link
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: